Il Blog di A. F. Dama

Pensieri e parole di un apolide dell'Infinito

Il Blog di A. F. Dama

Pensieri e parole di un apolide dell'Infinito

Bio

Alfonso F. Dama nasce a New York (U.S.A.) il 7/5/1961 e dal 1965 vive alle falde del Vesuvio. A quindici anni inizia a scrivere un gotico, “Il fantasma di Candemburg”, e una lunga serie di soggetti per comics. Negli anni ottanta collabora come sceneggiatore di fumetti a varie collane, fra cui quelle della Internazionale Ediperiodici, Tirammolla, Topolino, l’Intrepido e il Corriere dei piccoli. Nello stesso periodo scrive "Delitto in ascensore", giallo mai pubblicato che si classifica settimo all’Alberto Tedeschi della Mondadori. Subito dopo vince il premio Dominium per la letteratura internazionale non di genere con il romanzo “Le folli notti del camionista poeta”, cui segue il romanzo breve “Il canto delle lucciole” da cui viene liberamente tratto un musical che arriva anche in RAI. Sempre negli anni ottanta, pubblica due racconti horror sulla rivista americana "Creepy", e nei novanta passa alla fantascienza. Nel 2012 sono usciti il Sci-Fi “Le realtà oscure” (ed. Della Vigna) e l’antologia horror “Rantoli dal buio”. Nel 2018 è finalista al Premio Urania col romanzo "Melma", pubblicato nel 2020 da Delos Digital col titolo "Titano: fuga dal limbo".